• Quick Info

Data: mercoledì, 11 novembre 2015

Titolo: Storybusters: l’intervista narrativa in profondità

Trainer: Raffaele Boiano – User Experience Designer & Information Architect, Co-Founder di Fifth-Beat

Durata: 4 ore

Orario: dalle 14:45 alle 19:00

Costo: € 110 + IVA

Sede: Parco Leonardo, Piazza Leon Battista Alberti 12 – ROMA FIUMICINO

Prenota il workshop “Storybusters”

 

Descrizione

VISION DI PROGETTO

L’intervista è una famiglia di tecniche che nel tempo ha conquistato svariati ambiti di applicazione in base a diversi scopi: giornalistico, terapeutico, selettivo, istruttivo, sociologico etc. Sin dalla nascita genitori, insegnanti, medici, datori di lavoro, pubblici ufficiali ci pongono domande in una situazione di asimmetria relazionale.

An interview is a conversation with a purpose (Bingham e Moore)

L’ampia diffusione dell’intervista come strumento di raccolta di informazioni si basa sull’assunto ingenuo che parlare equivalga a comunicare. Una delle definizioni più diffuse di intervista risale al 1924, quando Bingham e Moore parlarono dell’intervista come di una conversation with a purpose. Tale conversazione è suscitata dall’intervistatore, che persegue un suo specifico obiettivo conoscitivo: è lui a porre domande cui l’intervistato deve rispondere, in maniera più o meno libera. Proprio il grado di libertà di intervistato e intervistatore (strutturazione) è uno dei criteri utili a distinguere fra i diversi tipi di intervista: si parla di intervista strutturata quando l’intervistatore si serve di un questionario e segue una lista di domande predefinite, che pone nello stesso ordine e con la stessa formulazione (standardizzazione) a tutti gli intervistati. Questi ultimi possono scegliere la propria risposta fra un elenco predefinito, utilizzando i termini, quindi, già stabiliti dal ricercatore (in questo caso parliamo di direttività).

Schermata 2015-10-12 alle 12.48.44

Nell’intervista semi-strutturata, si sviluppa un tema predefinito servendosi di una lista di domande che servono a richiamare l’attenzione dell’intervistato su alcuni punti, lasciandolo però libero di formulare le riposte utilizzando i propri termini e seguendo l’ordine che meglio rispecchia le sue priorità.

Nell’intervista in profondità (detta anche non direttiva) l’intervistatore si limita a introdurre un tema, il cui sviluppo è lasciato alle parole dell’intervistato; l’intervistatore interviene il meno possibile, “la voce sovrastante deve essere quella dell’intervistato” (Corbetta). L’obiettivo è cogliere la prospettiva dell’intervistato; l’intervista diviene uno strumento flessibile che si adatta ai diversi soggetti per catturare la complessità delle loro percezioni ed esperienze.

Storybuster - interviste

L’intervista narrativa può essere considerata un tipo particolare di intervista in profondità, perché ne condivide i tratti di bassa strutturazione e standardizzazione. Ha l’obiettivo di sollecitare storie sull’esperienza degli intervistati, storie relative all’intero percorso biografico o ad un aspetto più specifico. Atkinson (1998) sottolinea il ruolo rilevante dell’intervistatore/ricercatore, che interviene nella costruzione della storia e dei suoi significati, pur senza modificarne il contenuto.

Il workshop è orientato a illustrare una tecnica specifica come l’intervista individuale, non strutturata o semi-strutturata, in profondità, con taglio narrativo finalizzata a indagare motivazioni, credenze, atteggiamenti, significati/simboli, valori e l’ambito della loro produzione/elaborazione: il vissuto temporale.

 

Obiettivi del Workshop

L’obiettivo dell’intervento è rendere un team di lavoro autonomo nel progettare una ricerca basata sulla tecnica specifica dell’intervista narrativa in profondità.
Le aree di intervento saranno le seguenti.

Affrontare il progetto di ricerca

  • elicitare gli obiettivi cognitivi
  • individuare la research question
  • stabilire ipotesi e focus
  • preparazione e review della traccia

Gestire la situazione d’intervista

  • scrivere il preambolo
  • evitare gli errori più comuni nella conduzione dell’intervista
  • adottare tecniche di probing

Trasformare l’intervista in valore attraverso l’analisi

  • tecniche di peer review
  • individuare fabula e intreccio
  • topic cluster
  • actionable insights
  • produrre un report d’intervista

Prenota il workshop “Storybusters”